Soffrire il solletico, è sempre stata considerata una caratteristica tipicamente umana e dei primati. Il solletico provoca una divertente interazione fra genitori e figli ed aiuta i piccoli ad affinare le loro capacità di difendersi, quando giocano a farsi reciprocamente il solletico.

Gli etologi, di recente, hanno scoperto che anche i topi sono sensibili al solletico. Infatti se stimolati in alcune parti del corpo, i roditori emettono degli acuti stridii.

Questi urletti esprimono gioia, e li animali li emettono anche quando giocano nelle gabbie dei laboratori, oppure quando ricevono  ricompense.  Sono assimilabili alle risate degli uomini.

La sensibilità al solletico si è evoluta nei topi, probabilmente per la stessa ragione per cui è accaduto nelle scimmie. I topi sono animali giocherelloni e si divertono a baruffare fra di loro, emettendo simpatici gridolini.