Studi sui topi confermano che l’uso del telefonino aumenta il rischio di tumori al cervello.

La più grande ricerca di laboratorio, durata oltre due anni, da parte del National Toxicology Program (Ntp) americano, ha dimostrato che  l’esposizione alle radiofrequenze GSM e GDMA dei cellulari aumenta i casi di alcuni tipi di cancro, soprattutto nei ratti maschi.

Lo studio, costato 25 milioni di dollari, è stato condotto su oltre 2500 ratti e topi “Lo studio ha trovato una bassa incidenza di gliomi maligni nel cervello e schwannomi nel cuore dei ratti maschi esposti – scrivono gli esperti -. Dato l’ampio uso a tutte le età delle tecnologie per la comunicazione mobile anche un piccolo aumento che dovesse risultare dall’esposizione potrebbe avere grandi implicazioni per la salute pubblica”.
L’Oms nel 2011 ha classificato le radiofrequenze nel gruppo 2b dei ‘possibili cancerogeni’.