http://www.vanityfair.it/mybusiness/donne-nel-mondo/15/3/6/carla-delfino-scappatopo

 

Vanity fair 6-3-15x

 

Vanity stories   Carla Delfino

Imprenditrice. Ha vinto il premio Cartier – di Nicoletta Spolini

“Noi donne, in questa fase storica, siamo messe meglio degli uomini . Sappiamo adattarci, siamo flessibili. E abbiamo una splendida capacità di reinventarci da zero, anche a 50 anni.”

“Cosa c’entrano i topi con Cartier?”. Questa è stata la domanda di Carla Delfino, quando pensò di candidare la sua Start Un innovativa, la Imperial Europe al premio internazionale Cartier Women’s Initiative Awards. Carla Delfino, siciliana, è una imprenditrice seriale, che si è inventata un sistema per tenere lontani i topi in modo ecologico, non pericoloso per l’ambiente e per gli animali: Scappatopo.

Quel premio, a cui quasi non osava avvicinarsi, alla fine l’ha vinto, proprio lei: la prima italiana nella storia a conquistarlo, a salire sul tetto di Europa.

Carla è una storica dell’arte, simpatica e dai modi gentili, che racconta tante storie di topi, davvero divertenti. I topi sono sorprendenti nella loro capacità di adattarsi, di reagire ai nostri attacchi, di inventare soluzioni incredibili per sopravvivere.

Ogni anno 900 mila tonnellate di topicidi inquinano il nostro pianeta, invano perché i topi oramai sono diventati quasi tutti resistenti, cioè immuni ai veleni; oppure, non si fanno ingannare, e non li mangiano; rendendoli inutili. Ma le tonnellate di topicidi, ingannano ed uccidono tanti animali non bersaglio, solo negli Stati Uniti muoiono fra atroci dolori non meno di 150.000 animali domestici. Oltre agli animali selvatici. Purtroppo anche migliaia di bambini, in Italia e decine di migliaia nel mondo, vengono a contatto coi topicidi, e vanno a finire al Pronto Soccorso.

Scappatopo è prodotto davvero efficace, che non uccide nessuno. Agisce attraverso l’aroma di sostanze naturali che risultano essere assolutamente intollerabili per i topi, che per reazione istintiva si allontanano.

L’efficacia di Scappatopo è stata testata dalle Università di Napoli e Roma