http://livesicilia.it/2015/11/19/anche-nellisola-puo-nascere-unimpresa-il-successo-delle-start-up-siciliane_687194/

Anche nell’Isola si può fare impresa

Il successo delle start-up siciliane

Giovedì 19 Novembre 2015 – 17:32 di Accursio Sabella

A Palermo la storia di quattro aziende siciliane che ce l’hanno fatta. Da quella che trasforma gli agrumi in tessuti a quella che ha inventato un metodo naturale per allontanare i topi.

PALERMO – Aziende che traformano gli agrumi in tessuti, o che producono video per i brand che ne fanno richiesta, passando per la società che ha inventato un repellente per i topi di origine vegetale e per quella che idea soluzioni tecnologiche per le città. Sono le storie di Orange Fiber, Mosaicoon, Scappatopo e Push, quattro start-up di successo, fondate da siciliani e nella maggior parte dei casi con una sede in Sicilia. Le loro storie sono state raccontate dagli stessi ideatori e fondatori delle società in occasione di uno dei dibattiti di “Panorama d’Italia” la rassegna che si sta svolgendo a Palermo. Un convegno organizzato a Palazzo Mazzarino, sede dell’Università telematica Pegaso, moderato dalla giornalista Rai Barbara Carfagna e che ha visto tra i relatori Domenico Arcuri (Ad Invitalia), Fernando Napolitano (presidente Ib&II), Domenico Pontrandolfo (responsabile Unimercatorum Università telematica), Giuseppe Ravasi (manager Ibm Italia) e Luca Seletto (Enel).
Ma il cuore del convegno è nelle storie di aziende nate in Sicilia e capaci di crescere presto e tanto.
Da una fobia a un successo. Così si può sintetizzare invece la storia di “Scappatopo”, azienda fondata dalla siciliana Carla Delfino, oggi con sede a Roma. “Avevo il terrore dei topi – racconta – così ho cercato di saperne di più. E ho scoperto innanzitutto che i veleni non fanno altro che rendere questi animali più resisenti favorendone la diffusione. Allora ho iniziato a studiare cercando un’altra soluzione, e ho guardato alle esperienze del passato e agli esempi forniti dalla natura”. Così ecco l’idea: le piante tengono lontani i parassiti attraverso la produzione di oli essenziali. “Ho pensato quindi – spiega Carla Delfino – che anche i topi potessero essere tenuti distanti in questo modo, intervendo sul loro ‘naso’. Se tutto il mondo, oggi, usasse Scappatopo, che oggi è un prodotto brevettato, il numero dei topi si ridurrebbe notevolmente”. Intanto l’azienda cresce: “Puntiamo molto sull’e-commerce – conclude l’imprenditrice – e oggi siamo in trenta a lavorare in società , anche a distanza”.

live sicilia 20 11 15x