Trappole e Colle Topicide

trappole-e-colle-topicide

TRAPPOLE

Sin dall’antichità gli uomini hanno utilizzato delle trappole per catturare i topi che rubavano loro il cibo.
Sul mercato si trovano differenti tipi di trappole meccaniche o elettriche: quelle che catturano i topi vivi per liberarli successivamente oppure quelle che li uccidono, cosiddette killer (ad esca, a molla, a scatto, con la colla, a shock elettrico), a cattura singola o multipla. In qualsiasi caso, utilizzando le trappole si è certi di aver eliminato fisicamente il topo, al contrario di quanto avviene con il veleno, la cui conferma la si ha solo una volta che si è trovata la carcassa.  Vi sono persino trappole che possono mandare un segnale ad un cellulare, segnalando quando sono state visitate dai topi.
La trappola mette in diretto contatto l’uomo con il topo, perché ve lo si trova dentro, vivo o morto. Moltissime persone non gradiscono questo tipo di incontri, anche per questo è nato ScappaTopo®!

I topi, grazie alla loro astuzia sono sempre meno facile preda di trappole e di veleni. Nessuna trappola può dare garanzia assoluta di catturare i topi, altrimenti, sin dai tempi degli Egizi (a cui si fanno risalire le prime trappole a molla in legno) i topi sarebbero stati sgominati.

EROGATORE DI ESCHE TOPICIDE

La legge italiana impone con l ‘Ordinanza pubblica nella Gazzetta Ufficiale n. 79/2009 che “Nel caso di rodenticidi per uso civile deve essere previsto un contenitore, all’atto dell’utilizzo, con accesso solo all’animale bersaglio…. le esche devono essere disposte in modo da minimizzare il rischio di ingestione da parte di altri animali non bersaglio e devono essere fissate in modo che non possono essere trascinate via dai roditori”.

Gli erogatori di esche devono avere le seguenti caratteristiche di:

  • robustezza e resistenza alla distruzione o al deterioramento;
  • possibilità di essere chiusi con una chiave e di essere fissati con sicurezza a qualche incaglio fisso e alloggiare scritte;
  • forniti di un facile accesso per i topi, ma di difficile accesso per altri animali;
  • dotati di due alloggiamenti uno per l’esca ed uno di ingresso;
  • colorati per non risultare attraenti per i bambini;

 

TRAPPOLE PER CATTURA A VIVO

Il sistema più tradizionale per catturare i topi. E’ una gabbia di metallo più o meno grande con uno sportello a molla che si chiude automaticamente appena il roditore prende l’esca, intrappolandolo vivo all’interno.
Per fare le trappole, si possono utilizzare anche oggetti di uso comune come bicchieri o bottiglie. Il topo, attratto dall’esca, entra sotto il bicchiere, rosicchia il grissino e, così facendo, sposta la molla che teneva il bicchiere sollevato e ci finisce sotto. Oppure il topo entra nel bicchiere con una scaletta, non riutilizzabile dall’interno.

 

TRAPPOLE A MOLLA O TAGLIOLE

Sono considerate particolarmente cruente nei confronti dei topi che se non vengono uccisi all’istante, possono rimanere intrappolati con il muso o con un arto, che a volte si auto-amputano pur di fuggire. La morte dei topi intrappolati, è lenta e molto dolorosa. Le tagliole possono catturare o mutilare anche animali non bersaglio. In alcuni paesi queste trappole sono fuori-legge, perché non rispettano il benessere animale. Esistono trappole che sprigionano un anello di gomma, che si stringe come un cappio attorno al collo del topo, strangolandolo in poco tempo.

TRAPPOLE A GAS

Quando il topo penetra in queste trappole, un sistema elettronico, fa richiudere il foro d’entrata e poi rilascia dell’anidride carbonica in dose sufficiente a causare la morte per asfissia in pochi minuti.

Queste trappole, non sono disponibili al pubblico, ma possono essere usate solo da ditte specializzate.

 

TRAPPOLE ELETTRONICHE

Il topo penetrato all’interno viene ucciso da uno shock elettrico che ne causa la morte in qualche minuto, per arresto cardiaco.

 

Criticità riscontrate:

  1. Le trappole non si possono utilizzare se in casa vi sono bambini piccoli o altri animali domestici.
  2. Occorre stare molto attenti quando si maneggiano sia le trappole che le esche perché i topi riconoscono l’odore umano e se ne tengono alla larga.
  3. Le trappole mettono a contatto le persone con i topi, vivi da gestire o morti da smaltire. Molte persone ne sono inorridite.
  4. Le trappole devono essere posizionate lungo i sentieri che il topo percorre, quindi in alcuni casi in zone visibili delle case o degli ambienti di lavoro.pericoli-trappole-a-molla
  5. Le trappole per topi non sono sicure al 100% e di solito non sono adatte per eliminare un’infestazione acuta di topi.
  6. Le trappole devono essere gestite da personale specializzato che le controlli con periodicità prestabilita, per garantire l’igiene eliminando in modo adeguato i roditori catturati.
  7. È necessaria anche la periodica sostituzione delle esche usate per attirare i topi nelle trappole, perché se non vengono cambiate possono attirare altri parassiti e insetti, con il rischio di favorirne la diffusione.
  8. I topi ed i ratti, essendo animali nocivi, una volta catturati vivi, non possono essere rilasciati liberamente, ma secondo precise modalità, regolate da disposizioni di legge.
  9. Le tagliole sono considerate uno strumento di morte molto cruenta.
  10. Con le trappole si è in presenza di un animale morto o moribondo, che contamina l’ambiente con i suoi peli ed escrementi.

La guerra fra gli uomini ed i topi, è antica quanto la storia  ed è stata combattuta con molti strumenti, che sono in uso ancora oggi, pur essendo  metodi antichi, pericolosi e spesso inefficaci.
Finalmente la guerra può annoverare una nuova arma davvero efficace: ScappaTopo® che si armonizza con le moderne esigenze dei consumatori, in termini di qualità e di eco-compatibilità, eliminando dall’ambiente veleni e pericoli per l’uomo e per gli animali domestici.

LE COLLE TOPICIDE

A meno che il topo che rimane incollato alla tavoletta non muoia immediatamente, questi cercherà disperatamente di liberarsi, per non morire di fame, di sete oppure divorato da altri animali. Durante l’agonia, che dura diversi giorni, contamina coi suoi peli, feci ed urina l’ambiente circostante ed emette lamenti strazianti. In alcuni paesi queste colle sono fuori-legge, perché non rispettano il benessere animale

Criticità riscontrate:

  1. Le colle non si possono utilizzare se in casa vi sono bambini piccoli o altri animali domestici.
  2. Spesso gli animali domestici, come gatti, coniglietti o cagnolini, vi rimangono appiccicati ed è molto doloroso e complicato eliminare la colla dal loro pelo.
  3. E’ stato dimostrato che i topi percepiscono un segnale di pericolo davanti ad una tavoletta collante, quindi imparano presto a riconoscerle e ad evitarle.
  4. Le colle topicide non possono essere usate in ambienti polverosi come cantine o soffitte, perché la polvere ne diminuisce l’efficacia.
  5. I professionisti del settore derattizzazioni in Inghilterra hanno ridotto al minimo l’uso delle trappole collanti e ne hanno vietato la pubblicità, perché sono considerate tra i pesticidi meno umanitari al pari dei peggiori veleni a morte lenta.

ScappaTopo® non teme ambienti polverosi, né dà una morte lenta e dolorosi ai topi. Sfrutta la loro diffidenza e li infastidisce con messaggi sensoriali a loro estremamente sgraditi.

 

Sconto sul primo acquisto

Ci vediamo su Facebook?

Carrello

Si comunica alla gentile clientela che gli ordini ricevuti dal 10 al 31 agosto verranno evasi dal 3 settembre 2018, per chiusura estiva dell’azienda. Buone Vacanze Ignora