Le prime tracce che segnalano la presenza di topi e ratti sono i loro escrementi.

Inizialmente si scorgono poche tracce, ma col passare dei giorni, sui percorsi abituali utilizzati per insinuarsi nelle nostre case, le stesse appariranno sempre più evidenti.

Riuscendo a riconoscere gli escrementi, possiamo comprendere quale roditore è entrato nelle nostre case e da quanto tempo.

Comunque, sia in presenza di topi che di ratti, ScappaTopo® è la soluzione più efficace da utilizzare per liberarsi della loro sgradita presenza e per evitare di pulire e disinfettare dappertutto.

 

Escrementi di Topo

 

I topi depositano fino a 80 escrementi al giorno.

Hanno forma cilindrica con estremità appuntite, simili ai chicchi di riso ed hanno dimensioni da 1 a 5 millimetri.

Nella prime 24 ore la consistenza è morbida e compatta; si schiacciano ma non sono friabili e sono di colore nero.

Dopo circa 24 ore, si seccano, diventano duri ed il colore cambia in grigiastro ammuffito.

Questo è un segnale utile per comprendere da quanto tempo i roditori sono nella nostra casa.

Più alto è il numero degli escrementi, più alto il numero dei topi presenti.

Di solito i topi camminano rasenti ai muri, per proteggersi ed è lì che si troveranno il maggior numero di tracce.

escrementi-ratto

Escrementi di Ratti

 

I ratti neri (Rattus rattus) lasciano fino a 40 escrementi al giorno.

Hanno forma cilindrica con estremità arrotondate, con dimensioni superiori a quelle dei topi: da 1 a 1,5 centimetri.

Sono di colore marrone scuro/nero. Nella prime 24 ore la consistenza è morbida e compatta.

Dopo circa 24 ore si seccano e diventano duri e friabili.

I ratti di fogna (Rattus norvegicus) depositano feci di dimensioni ancora maggiori, attorno a 2 centimetri, di forma tozza, simile al nocciolo di un’oliva.

Gli escrementi di topo e quelli di geco

I gechi lasciano escrementi simili nella forma e dimensioni a quelle dei topi.

Per non confonderli bisogna ricordare che gli escrementi dei topi sono di colore scuro ed uniforme, mentre quelli dei gechi sono scuri con le punte bianche (il bianco è dato dall’urina concentrata espulsa assieme alle feci).

Un’altra importante differenza è che le feci dei topi NON sono friabili, mentre quelle dei gechi si sbriciolano con grande facilità.

 

confronto-geco-topo

Gli escrementi di topo e quelli di geco

I gechi lasciano escrementi simili nella forma e dimensioni a quelle dei topi.

Per non confonderli bisogna ricordare che gli escrementi dei topi sono di colore scuro ed uniforme, mentre quelli dei gechi sono scuri con le punte bianche (il bianco è dato dall’urina concentrata espulsa assieme alle feci).

Un’altra importante differenza è che le feci dei topi NON sono friabili, mentre quelle dei gechi si sbriciolano con grande facilità.

Perché si possono trovare tracce di escrementi di topo vicino a ScappaTopo® ?

ScappaTopo® è un aroma, il topo, in alcune circostanze, deve entrare all’interno per rendersi conto che non riesce a tollerare il principio attivo del repellente.

Se in questa stessa area si trovano delle fonti di cibo, è molto facile che il topo si soffermi a mangiare o bere, prima di allontanarsi.

In questo caso lascia immediatamente traccia di escrementi, perché i topi non hanno controllo del loro intestino, e soprattutto se sotto stress, tendono a rilasciare continuamente gli escrementi.

Se un topo entra in un ambiente dove è stato posizionato ScappaTopo®, lo fa quasi sempre, perchè è in cerca di cibo, acqua o riparo, ma una volta annusato ScappaTopo lascia immediatamente la zona trattata ed anche qualche “sgradito ricordino” di sé, perché il repellente lo spaventa e lo infastidisce molto.

Come eliminare gli escrementi di topo e ratto in modo sicuro

 

E’ importante ricordare che gli escrementi (sia feci che urine) di topi e di ratti sono pericolosi veicoli di infezioni anche molto gravi (vedi Malattie trasmesse dai topi) e quindi per eliminarli bisogna procedere con cautela e in piena sicurezza.

NON bisogna spazzarli via con scopa e paletta (come verrebbe istintivo fare), perché in questo modo non si è certi di eliminarli del tutto e si possono sollevare micro-particelle pericolose da respirare.

NON si devono toccare a mani nude, per evitare di entrare in contatto con gravi patologie come l’Hantavirus.

Prima di rimuovere gli escrementi: 

  1. Indossare sempre guanti di gomma e mascherina, che dovranno essere gettati via dopo l’uso.
  2. Preparare una soluzione con 5 litri d’acqua e 2 tazze di candeggina
  3. Versarla in uno spruzzatore (come quello per i vetri)
  4. Spruzzare la soluzione sugli escrementi, fino a bagnarli completamente. In questo modo si riduce sensibilmente il rischio che le feci spolverandosi possano venire inalate o che che si possano spargere ovunque.

Ora è possibile rimuovere gli escrementi:

  1. Con i guanti e della carta da cucina, raccogliere con cura tutte le feci e gli eventuali oggetti contaminati o rosicchiati.
  2. Gettare la carta sporca e gli oggetti in un robusto sacchetto della spazzatura senza fori.
  3. In caso che gli escrementi si trovino in luoghi angusti, utilizzare dei bastoncini di cotone, inumiditi con la soluzione a base di candeggina.

Eliminati tutti gli escrementi e tutti gli oggetti contaminati dai topi può procedere ad una profonda disinfezione:

  1. Lavare ovunque utilizzando sempre la soluzione a base di candeggina.
  2. Utilizzare carta o stracci monouso, da gettare alla fine nel sacchetto della spazzatura che dovrà essere richiuso molto bene.

Per concludere, lavarsi le mani con acqua e poi con alcool, prima di toccare qualsiasi altro oggetto.

Per evitare di pulire, disinfettare ovunque e per non subire i danni causati dai topi, consigliamo l’uso costante di ScappaTopo®.